Irepa Glossario
Glossario Stampa Email

  

Caratteristiche nazionali e regionali

  

Regioni marittime

Regioni amministrative per il settore peschereccio nazionale (Liguria, Toscana, Lazio, Campania, Sardegna, Calabria, Sicilia, Puglia, Abruzzo e Molise, Marche, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia). Nel 2000 e 2001, l’analisi sull’andamento del settore peschereccio in Friuli Venezia Giulia e in Veneto è stata condotta congiuntamente.

 

 

Geographical Sub Areas

 

 

Regioni

9. Tirreno Nord

LIGURIA

TOSCANA

LAZIO

10.  Tirreno Sud

CAMPANIA

CALABRIA TIRRENICA

NORD SICILIA

11.Sardegna

SARDEGNA

17.  Nord Adriatico

FRIULI VENEZIA GIULIA

VENETO

EMILIA ROMAGNA

MARCHE

ABRUZZO

MOLISE

16. Sicilia sud – Canale di Sicilia

SUD SICILIA

18.  Sud Adriatico

PUGLIA NORD

19.Ionica

PUGLIA IONICA

CALABRIA IONICA

SICILIA EST

 

Attività e capacità

 

Battelli numero

Battelli iscritti nell’Archivio Licenze di Pesca istituito presso il Mipaf.

Tonnellaggio di stazza lorda (tsl o GRT)

Misura volumetrica pari a 100 piedi cubici (cioè metri cubi 2,832). Il GRT è indicato per la misurazione delle navi dalla Convenzione di Oslo (1946).

Gross tonnage (GT)

A partire dal 2004, la misura della capacità di tutti i pescherecci appartenenti alle flotte comunitarie è espressa in GT (stazza lorda) piuttosto che in tonnellate di stazza lorda (tsl) o in altre unità di stazza definite a livello nazionale. Il tonnellaggio lordo (GT), così come fissato dalla Convenzione di Londra (1969), è definito come funzione del volume totale di tutti gli spazi interni della nave.

Potenza motori

Misura che esprime la potenza in kW del motore utilizzato a bordo.

Giorni totali di pesca

Giorni di attività in mare.

Equipaggio

Numero di marittimi impiegati a bordo.

Giorni medi di pesca

Giorni di attività in mare.

 

Produzione

 

Catture

Quantità di risorse marine catturate nelle operazioni di pesca e sbarcate. Le catture sono espresse in termini di peso (tonnellate).

Ricavi

I ricavi derivano dal prodotto tra le quantità sbarcate e vendute e il corrispondente prezzo di vendita. Tale definizione è altrettanto valida per ognuno dei seguenti termini: produzione lorda vendibile, fatturato lordo, entrate lorde, tutti sinonimi di ricavi.

 

Indicatori di produttività fisica ed economica

 

Catture per giorno e per battello

Indicatore di produttività fisica ottenuto rapportando le catture complessive all’attività di pesca (giorni di pesca) o alla consistenza numerica della flotta (numero di battelli).

Ricavi per giorno e per battello

Indicatore di produttività economica ottenuto rapportando i ricavi complessivi all’attività di pesca (giorni di pesca) o alla consistenza numerica della flotta (numero di battelli).

Indicatori di sostenibilità

Sforzo

Lo sforzo di pesca esprime sinteticamente l’impiego dei fattori produttivi, quantitativi e qualitativi, utilizzati nella cattura di specie marine. Sulla base delle indicazioni comunitarie (Reg. CE 2091/1998) lo sforzo è calcolato moltiplicando il tonnellaggio per i giorni medi di pesca (tsl*giorni medi di pesca).

Catture/sforzo o CPUE (Catch Per Unit of Effort)

E’ definita come rapporto fra le catture totali e lo sforzo di pesca totale in un dato periodo di tempo o per una determinata tecnica di pesca ed indica l’ammontare di catture ottenuto dall’utilizzo di una unità di sforzo.

Plv/sforzo

E’ calcolata come rapporto tra la produzione lorda vendibile totale e lo sforzo di pesca totale in un dato periodo di tempo o per una determinata tecnica di pesca e fornisce l’ammontare di ricavi corrispondente all’utilizzo di una unità di sforzo.

Costo del lavoro/addetti

L’indicatore è costruito sulla base del reddito percepito annualmente dalle singole unità produttive impiegate nel comparto. Il reddito a cui ci si riferisce è rappresentato dalla voce relativa all’ammontare di denaro destinato alla remunerazione del lavoro svolto nelle operazioni di pesca e nelle altre attività dell’equipaggio e comprende sia il salario netto più i contributi, sia i compensi destinati ai proprietari che lavorano a bordo del battello.

 

Conto economico

 

Costi intermedi

Sono i consumi intermedi delle imprese di pesca riferiti alle spese per acquisto di beni e servizi sostenuti per lo svolgimento dell’attività di produzione e di quella di collocamento del prodotto sul mercato (commercializzazione).

Valore aggiunto

Valore ottenuto come differenza tra i ricavi ed i consumi intermedi. Esso rappresenta il valore che il processo di produzione e di vendita svolto dalle imprese ittiche aggiunge al valore delle catture.

Costo del lavoro

Rappresenta la retribuzione per il lavoro svolto a bordo, comprensivo degli oneri contributivi e previdenziali; dipende dalle forme contrattuali prevalenti, variabili da area a area e da sistema e sistema.

Profitto lordo

Valore ottenuto come differenza tra il valore aggiunto e il costo del lavoro.